Premio letterario Galeazzo di Tarsia 2017

Nell’incantevole scenario del centro storico, nella Piazza dedicata al Poeta, alla presenza di autorità del mondo civile, religioso ed accademico ha luogo la cerimonia di premiazione dei vincitori del Premio Letterario “Galeazzo di Tarsia” istituito dalla Pro Loco nel marzo 1993 sotto il patrocinio della Rivista “Calabria letteraria” e dell’Amministrazione comunale allo scopo di far conoscere la figura e l’opera di Galeazzo di Tarsia e, nello stesso tempo, incentivare lo studio e la conoscenza degli aspetti socio-culturali, storici, artistici ed ambientali della Calabria e del Meridione, nella convinzione che la mediazione culturale sia un mezzo privilegiato per lo sviluppo turistico ed economico del territorio. La singolarità del Premio consiste nella presentazione di saggi scritti inediti su un tema proposto annualmente dalla Giuria, presieduta dall’Avv. Paolo di Tarsia di Belmonte, discendente del poeta. Tema dell’edizione 2017: “Analogie e differenze tra le due immigrazioni nell’ Italia: dalla Grecia nei secoli antichi ed il flusso attuale dal Mediterraneo”.

LOCANDINA 2017

Giungere alla XXIV edizione mantenendo intatta la propria unicità non è semplice e non è da tutti. Il Premio Letterario “Galeazzo di Tarsia”, istituito dall’Associazione Turistica Pro Loco di Belmonte Calabro nel 1993 sotto il patrocinio della Rivista “Calabria Letteraria” e dell’Amministrazione comunale è riuscito a mantenere negli anni la sua singolarità che consiste nella presentazione di saggi scritti inediti su un tema proposto annualmente dalla Giuria. Il Presidente pro tempore dell’Associazione, Giovanna Ruggiero, ha ringraziato il Past President Filippo Verre e il Sindaco Michele Scialis che nel 1993 ebbero la felice intuizione di istituire il Premio, il Past President Antonio Vaccaro che nel 1995, dopo un anno di interruzione, ha voluto fortemente portare avanti l’iniziativa affidandone il coordinamento al Dott. Gabriele Turchi, tutti i Presidenti Pro Loco ed i Sindaci che si sono succeduti per essere stati illuminati ed aver compreso che la cultura è un mezzo privilegiato di sviluppo del territorio e tutti coloro che, in tempi diversi ed a diverso titolo, hanno contribuito a dare continuità nel tempo al Premio e ad innalzarne il livello. La stessa ha ricordato l’ iniziativa meritoria intrapresa dalla Pro Loco che, allo scopo di diffondere e conservare i saggi premiati, ha pubblicato nel luglio 2004 il volume “Tra storia e letteratura”, Atti del Primo Decennio (1993-2003) del Premio “Galeazzo di Tarsia”, e nel luglio 2009 il volume “Tra storia e letteratura 2”Atti del Premio “Galeazzo di Tarsia” (2004-2008) , entrambi a cura del prof. Fausto Cozzetto, docente universitario e componente della Giuria, editi da Editoriale Progetto 2000 del Dott. Demetrio Guzzardi di Cosenza.
Un momento di commozione quando il Dott. Gabriele Turchi ha ricordato il Prof. Francesco Pellegrino scomparso di recente, Socio fondatore della Pro Loco, componente della Giuria del Premio, educatore, autore di libri sulle tradizioni popolari di Belmonte e paesi limitrofi, consigliere comunale.
La Giuria composta dal Presidente Avvocato generale dello Stato onorario Paolo di Tarsia di Belmonte, discendente del poeta; dai componenti Prof. Antonello Savaglio, storico e Socio della Deputazione di Storia Patria della Calabria; Prof. Mario Caligiuri, docente UNICAL e Direttore del Master in Intelligence; Dott.ssa Francesca Curcio, Assessore Settore Politiche Culturali e Pubblica Istruzione del Comune di Belmonte Calabro; Prof.ssa Rosa Maria De Lorenzo Scialis, docente e Presidente dell’Associazione MA. TE. SEO; Dott.ssa Giovanna Ruggiero, Presidente dell’Associazione Turistica Pro Loco; Dott. Gabriele Turchi, Segretario-Coordinatore del Premio, ha individuato all’unanimità quale vincitore del I Premio il saggio del Prof. Alfonso Lorelli di Amantea, ricco di notizie storiche e mitologiche ed altrettanto ricco di osservazioni critiche e di valutazioni appropriate.
Seguito con religioso silenzio l’intervento del premiato che ha riportato le parti più salienti del saggio arricchendole di nuove osservazioni.
Incisivo l’intervento del Prof. Mario Caligiuri, entrato quest’anno a far parte della Giuria.
Una giovanissima concorrente belmontese, Daniela Porco, ha espresso con garbo la sua emoziante esperienza di partecipare per la prima volta ad un Premio.
Valore aggiunto alla manifestazione la consegna da parte del Sindaco di una targa e dell’attestato di “cittadinanza onoraria” al Presidente della Giuria, Paolo di Tarsia di Belmonte, alla presenza del figlio Francesco e della nipote Camilla Diana.
Pubblico letteralmente rapito dagli intermezzi musicali del quintetto “The Fire Brass” : Daniel Ibarra, Gian Marco Rega, Fulvio Siciliano, Alessio Paradiso e Giuseppe Caruso.

Rispondi